Fibra nella farina integrale per una focaccia salutare

Focaccia con farina integrale di grano tenero ricca di fibra

Focaccia con farina integrale di grano tenero ricca di fibra

Fibra non è solo quella ottica, usata telematicamente per consentire ai dati di memoria elettronica un rapido spostamento nel cyberspazio: fibra è anche quella alimentare!
La fibra alimentare è scientificamente definita come una parte commestibile dei vegetali, che resiste alla digestione e all’assorbimento e comprende: polisaccaridi, oligosaccaridi, lignina e altre sostanze vegetali. Secondo alcuni esperti nutrizionisti la fibra alimentare è strettamente correlata con effetti fisiologici come l’evacuazione e la riduzione del colesterolo e del glucosio nel sangue. Questo tipo di fibre, chiamate anche “non idrosolubili” (non si sciolgono nell’acqua), sono in grado di ritardare lo svuotamento gastrico ovvero danno a lungo un senso di sazietà e paradossalmente accorciano il tempo di transito intestinale. In altre parole ci mettono molto ad essere digerite dallo stomaco ma una volta passate nell’intestino ci mettono poco ad essere espulse dal corpo. Ma dove si trova questo portentoso alimento? In realtà esistono tanti tipi di fibra alimentare ma la cellulosa e la emicellulosa si trovano nel grano e nella derivata crusca ovvero nella farina integrale di grano: scegliamo oggi questo particolare ingrediente.

Ovunque si parli di diete prima o dopo si parlerà di omega3: ma cosa sono? Sono acidi grassi ovvero composti chimici formati da catene di atomi di carbonio che hanno un doppio legame in posizione 3 con un gruppo chiamato carbossile e composto da carbonio, idrogeno e ossigeno. Perchè sono così importanti? Perchè l’organismo umano non è capace di formarli e deve necessariamente assumerli con la dieta. Si ma a cosa servono? Tra le tante altre cose quella che mi ha sempre impressionato di più è la funzione di tenere il sangue fluido: senza omega3 il sangue è meno fluido e non ci vuole certamente una grande conoscenza medica per capire che se il sangue non scorre il corpo non può star bene. Ma dove si trova questo portentoso alimento? Nell’olio di oliva… anzi: nell’olio extra vergine di oliva!

Se volessi un alimento ricco di fibra e omega3? Una focaccia barese con farina integrale! La focaccia barese è già di per se un mondo di cui mi riprometto di scrivere, questa variante è un’elaborazione che si allontana dall’originale attuale ma ritorna ad un lontano passato: quando le farine erano praticamente sempre integrali:

450 g di farina integrale biologica di grano tenero
8 g di lievito di birra in cubetto
300 g di acqua
10 g di sale
pomodorini “ciliegino” e olive a piacere
olio extra vergine di oliva per condire

Si prende la farina e la si colloca in una ampia terrina. Si prende il lievito e lo si sbriciola sulla farina. Si prende l’acqua (ma se si usa quella diretta dell’acquedotto è meglio bollirla appena e poi lasciarla dentro una brocca per 24 ore: avremo così un’acqua priva di disinfettanti) e la si incorpora lentamente alla farina iniziando ad impastare a piene mani. Quando l’impasto è appena amalgamato si aggiunge il sale e si deve continuare ad impastare fin quando non si ottiene una palla omogenea e non troppo collosa.
Si prende una teglia e la si unge bene con olio extra vergine di oliva e poi si lascia riposare la palla di impasto sopra l’olio per almeno 2 ore in un luogo al riparo dalle correnti (ad esempio il forno). L’impasto lievita e trascorso tale tempo con la punta delle dita si schiaccia l’impasto dando forma alla focaccia. Si lascia riposare ancora 1 ora e poi si condisce con pomodorini e olive, sale, origano e un filo d’olio extra vergine di oliva. Si attende ancora una mezz’ora e si inforna a 200° centigradi per 30/35 minuti.

Fibra nella farina integrale per una focaccia salutareultima modifica: 2016-03-01T09:55:56+01:00da prodottidaforno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento